domenica 18 agosto 2019    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 

ARCHIVIO COMUNICATI

 

 Lorenzo Martellini Riduci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Consiglio Comunale del 09.11.2009
Rinnovo del patto di gemellaggio 
del Comune di San Giovanni V.no
con la città di Corning (U.S.A.)


 Stampa   
 Links utili Riduci

 Stampa   
 Come votare Riduci

 Stampa   
 CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 GIUGNO 2010 Riduci

RASSEGNA STAMPA

La Nazione - 23.06.2010
Nuovo Corriere Arezzo - 24.06.2010
La Nazione - 28.01.2010
Corriere di Arezzo - 06.07.2010

S. Giovanni V.no, 22 giugno 2010

COMUNICATO STAMPA
 
CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 GIUGNO:LE INTERROGAZIONI E INTERPELLANZE DEL GRUPPO “PER UN’ALTRA SAN GIOVANNI” PER IL QUESTION TIME DEL 29 GIUGNO 2010
 
Si riunirà martedì 29 giugno il consiglio comunale in seduta speciale dedicata al Question Time. Il gruppo di opposizione “Per un’altra San Giovanni” ha presentato cinque interrogazioni/interpellanze.
La prima interrogazione presentata dal consigliere Martellini riguarda lo stato dell’arte del processo di costituzione dell’Unione dei Comuni del Valdarno. Martellini, partendo dalle parole del Sindaco che nella seduta del 27 aprile informò il consiglio comunale sull’ipotesi di costituire un’Unione dei Comuni del Valdarno allargando l’attuale Unione dei Comuni del Pratomagno, chiederà se e quali novità sono intercorse nel corso di questi due mesi sollecitando l’Amministrazione a dare risposte celeri in quanto entro il 31.12.2010 la gestione dei servizi socio-assistenziali dovrà per forza passare all’Unione se i Comuni non vorranno perderne il controllo e i finanziamenti della Regione Toscana.
Nella prima interpellanza Martellini chiederà quali sono gli interventi urgenti che intende adottare l’Amministrazione per mettere fine al degrado della Stazione Ferroviaria soprattutto per quanto riguarda i due sottopassi. Infatti da mesi gli stessi versano in uno stato di sporcizia, di mancanza di illuminazione e nei giorni scorsi addirittura il principale sottopasso è rimasto allagato impedendo il passaggio dei pendolari. Martellini chiederà inoltre quando saranno eliminate le barriere architettoniche che impediscono ai disabili di accedere ai binari in direzione Firenze.
Nella seconda interpellanza Martellini chiederà all’Amministrazione come intende risolvere lo stato di dissesto della strada comunale per Renacci visto che da sempre la stessa risulta piena di buche e mancante di protezioni laterali rendendo molto pericoloso il passaggio delle autovetture.
Il capogruppo Pia presenterà due interpellanze. La prima riguarda la completa apertura della Casa di Riposo Masaccio. Pia, preso atto che molti cittadini in particolare familiari di potenziali utenti chiedono continue informazioni sulla disponibilità dei nuovi posti letto, chiederà al Sindaco quali sono le motivazioni della ritardata disponibilità della nuova sezione della casa di Riposo sangiovannese, dal momento che in data 26 gennaio 2010, i locali risultavano apparentemente pronti per essere subito utilizzati.
Infine nella seconda interpellanza Pia ritornerà a parlare della sicurezza del territorio e dell’utilizzo delle telecamere citando di nuovo in particolare il sottopasso ferroviario che collega via Mannozzi con il centro di Geotecnologie. Pia chiederà quali interventi intende attivare la Polizia Municipale anche con l’ausilio delle telecamere già installate e se l’Amministrazione intende monitorare il territorio comunale con l’installazione di altre telecamere.
 
Gruppo consiliare “Per un’altra San Giovanni”

 Stampa   
 COMUNICATO STAMPA DEL GRUPPO "PER UN'ALTRA SAN GIOVANNI" Riduci

ESISTE ANCORA “QUESTA” MAGGIORANZA?

Il comunicato de "La Sinistra per San Giovanni"
La Nazione Arezzo - 13.05.2010
La Nazione Arezzo - 14.05.2010

Corriere di Arezzo - 15.05.2010

La Nazione Arezzo - 15.05.2010

Nuovo Corriere Arezzo - 18.05.2010
La Nazione Arezzo - 18.05.2010

La Nazione Arezzo - 18.05.2010

S. Giovanni V.no, 14 maggio 2010

 COMUNICATO STAMPA
 
Apprendiamo ancora una volta dalla stampa delle difficoltà di questa Giunta nei confronti della propria maggioranza consiliare anche se in questo caso sarebbe più opportuno parlare di crisi.
Dopo lo strappo apertosi subito dopo le elezioni tra il Sindaco e il gruppo Cresce San Giovanni e ricucito solo dopo un anno con la nomina dell’Assessore Mugnaini, oggi arriva un vero e proprio scontro frontale tra il Sindaco e il gruppo della Sinistra per San Giovanni.
Che i rapporti tra il gruppo della Sinistra e la maggioranza non fossero mai nati sotto una buona stella lo avevamo già detto a luglio dello scorso anno quando in consiglio la capogruppo Gauni non votò l'importante delibera sull'acquisto da parte del Comune di quote della società Pluriservizi e quando in commissione urbanistica fu bocciata la ZUT Fondali. Questa volta però lo scontro ci sembra così grave perché con il comunicato uscito nel proprio sito la Sinistra per San Giovanni mette in dubbio addirittura da un punto di vista etico e di opportunità il comportamento della Giunta nell'indire il bando di concorso per l'addetto stampa del Comune.
Anche noi nutriamo molti dubbi sul comportamento dell'Amministrazione che già anche in altre occasioni si è mossa con un po'troppa "disinvoltura" nell'assegnare incarichi e consulenze!
Questa volta il Sindaco e la Sinistra per San Giovanni si giocano molto della propria credibilità e coerenza rispetto alle frasi che hanno affermato. Crediamo che il Sindaco dopo aver di fatto messo all'angolo la Sinistra usando parole forti non possa far altro che ritirare le deleghe al suo assessore Giuliani che quel gruppo rappresenta a meno che all'ultimo momento (come spesso accade) Giuliani si dichiari non più "in linea" con la propria lista.
Dall'altra parte ci aspettiamo l'uscita dalla maggioranza della Sinistra per San Giovanni perché come può un gruppo consiliare votare a favore di una Giunta della quale contesta addirittura la propria moralità amministrativa? Se alla fine (come pensiamo) tutto si risolverà a "tarallucci e vino" tutti i protagonisti di questa vicenda avranno perso sia da un punto di vista politico che di coerenza personale.
Un'ultima considerazione: in questa maggioranza i gruppi minori non hanno alcun peso politico perché il PD con la maggioranza assoluta dei seggi in consiglio e in giunta vive di luce propria. Facciano allora una scelta forte, escano dall'esecutivo e lascino al PD onere e onore di governare questa città. Almeno tra quattro anni tutti saranno più liberi di fare le proprie scelte facendo vincere la coerenza rispetto all'opportunismo del momento.  
 
Gruppo consiliare “Per un’altra San Giovanni”

 Stampa   
 CONSIGLIO COMUNALE DEL 26 NOVEMBRE 2009 Riduci

  S. Giovanni V.no, 27 novembre 2009

COMUNICATO STAMPA

SUL TESTAMENTO BIOLOGICO DURA OPPOSIZIONE DEL GRUPPO PER UN’ ALTRA SAN GIOVANNI

Nel consiglio comunale di ieri la maggioranza di centro-sinistra compatta assieme al capogruppo di Rifondazione Comunista Cardinali ha approvato una mozione che impegna la giunta comunale ad istituire un registro per il testamento biologico così come in altri comuni della Toscana tra cui Firenze e Fiesole.
Dura l’opposizione dei consiglieri Pia e Martellini. Prima di iniziare il dibattito il consigliere Martellini ha chiesto alla Presidenza se l’atto aveva una legittimità giuridica visto che la competenza in materia di ordinamento civile è di esclusiva spettanza del Parlamento in base all’art. 117 della Costituzione. Dopo una sospensione dei lavori la Presidenza ha comunicato che la verifica della competenza degli atti susseguenti all'eventuale approvazione della mozione sarà fatta dai competenti organi comunali al momento dell’istituzione del registro stesso. Subito dopo Martellini ha presentato assieme a Pia una
risoluzione, firmata anche dai consiglieri del P.D.L., nella quale si chiedeva che l’Amministrazione si astenesse dall’istituire un registro dei testamenti biologici ma, soprattutto, invitasse il Parlamento ad approvare prima possibile un testo di legge che disciplini una volta per tutte il tema del “fine-vita”. Durante il dibattito il capogruppo Pia ha richiamato l’attenzione del consiglio sul recente caso del cittadino belga Rom Houbens a cui era stato erroneamente diagnosticato un coma vegetativo e quindi senza speranza ma invece, pur non potendo parlare a causa dei traumi di un incidente, è stato per 23 anni pienamente cosciente. Pia ha citato il caso in relazione alla vicenda di Eluana Englaro riportata a giustificazione dell’istituzione del registro nella mozione della maggioranza. Martellini nel suo intervento ha richiamato la bontà del testo di legge Calabrò approvata al Senato e ancora in discussione alla Camera ed ha ribadito che, pur essendo d’accordo sul no all’accanimento terapetutico, era inaccettabile che nella mozione si facesse riferimento all’idratazione e all’alimentazione quali terapie mediche. Martellini ha evidenziato nell’intervento che se passa questo concetto andiamo verso la legalizzazione dell’eutanasia. Terminato il dibattito nella dichiarazione di voto Martellini ha fatto propria la dichiarazione di alcuni consiglieri del PD di Arezzo che sulla stessa mozione nel consiglio comunale aretino non hanno dato il voto favorevole al testo presentato dalla loro maggioranza.
Il consiglio ha poi approvato all’unanimità una mozione del consigliere Corsi (P.D.) sulla lordatura del centro cittadino richiamando l’Amministrazione ha potenziare e migliorare i servizi di pulizia e spezzamento nonché i controlli da parte della polizia municipale. La mozione sulla salvaguardia del crocifisso nelle scuole pubbliche è stata respinta con il voto contrario di Cardinali (Rifondazione), l’astensione dei gruppi di maggioranza e il voto favorevole di P.D.L. e Per un’altra San Giovanni.
Sulla delibera di assestamento di bilancio voto contrario di tutta l’opposizione mentre sull’adozione del piano di recupero ARU5 Via Milano il gruppo di Pia e Martellini si è astenuto.
Infine, all’unanimità, è stata nominata la nuova consulta comunale per le pari opportunità.

Gruppo consiliare “Per un’altra San Giovanni”


 Stampa   
 CONSIGLIO COMUNALE DEL 26 GENNAIO 2010 Riduci

S. Giovanni V.no, 20 gennaio 2010

 COMUNICATO STAMPA

QUESTION TIME: CRISI DELLA FERRIERA, DISAGIO AMBIENTALE DISCARICA, PIANO CASA E ALTRI ARGOMENTITRA LE INTERROGAZIONI DEL GRUPPO “PER UN’ALTRA SAN GIOVANNI”. NELLA SEDUTA ANTIMERIDIANA COMUNICAZIONE DI MARTELINI SULL’ISTRUTTORIA “VALDARNO SVILUPPO”

 Si riunirà martedì 26 gennaio alle ore 10:00 presso la casa di riposo “Masaccio” la massima assise in seduta ordinaria per discutere le mozioni già presentate per la seduta di dicembre e per le comunicazioni di rito. Tra quest’ultime il presidente della I commissione permanente Lorenzo Martellini riferirà al consiglio comunale sul procedimento di controllo e verifica relativa alla società partecipata Valdarno Sviluppo S.p.A. che ha visto lo scorso 7 gennaio l’audizione in commissione del presidente Cardi.
Nel pomeriggio alle ore 15:00 avrà inizio la seduta speciale dedicata al Question Time. Aprirà il dibattito l’interrogazione presentata dal consigliere Martellini sulla grave crisi della A.F.V. Beltrame S.p.A., che tra le tre diverse società della Ferriera, è quella che desta, al momento maggiori preoccupazioni per quanto riguarda la situazione occupazionale e di sviluppo. Martellini chiederà al Sindaco quali sono state le iniziative prese dall’Amministrazione comunale, cosa è emerso negli incontri con la Direzione Generale e con quali modalità intende intervenire per salvaguardare i livelli occupazionali dell’azienda, evitare il progressivo ridimensionamento degli investimenti sull’impianto sangiovannese e garantire i diritti dei lavoratori. Seguirà l’altra interrogazione di Martellini sul dibattito aperto dal sindaco Viligiardi nella stampa locale rispetto alla possibilità che San Giovanni riceva parte dei contributi del disagio ambientale della discarica dal comune di Terranuova e, in particolare, come affermato dallo stesso sindaco, che tali risorse possano essere dirottate sulla costruzione del terzo ponte sull’Arno. Martellini chiederà di chiarire al consiglio se è già stata avviata una "trattativa" con il comune di Terranuova Bracciolini per la redistribuzione delle risorse del disagio ambientale e, se del caso, a quanto ammontano economicamente. Il consigliere Pia poi presenterà un’interrogazione sulla mancata illuminazione del tratto di strada tra il Ponte Pertini e la rotonda della Badiola chiedendo se l’Amministrazione Comunale intende prendere provvedimenti idonei al fine di migliorare la sicurezza di questo tratto di strada per ridurre al minimo il rischio di chi la percorre. A seguire il consigliere Pia affronterà nella successiva interrogazione il tema del Piano Casa approvato dal C.R.T. con la legge 24 del 8 maggio 2009 chiedendo chiarimenti sulla compatibilità dello stesso con gli strumenti urbanistici del comune e se a oggi sono stati già presentati progetti di intervento e ampliamento. Ancora il consigliere Pia chiederà chiarimenti sull’edificio nel quartiere “Oltrarno” a suo tempo destinato a deposito di carri per il Carnevale sangiovannese ed in particolare se e come l’Amministrazione Comunale intende verificare l’attuale stato di conservazione della copertura e di monitorarla periodicamente e quali provvedimenti intende prendere al fine di ridurre al minimo il rischio di esposizione alle fibre di amianto degli abitanti della zona. Infine il consigliere Martellini in un’interpellanza chiederà chiarimenti sulla mancata installazione della segnaletica nella rotonda del Ponte Ipazia e sul malfunzionamento di alcuni impianti semaforici.

 Gruppo consiliare “Per un’altra San Giovanni”


 Stampa   
 COMUNICATO STAMPA PRESIDENZA PRIMA COMMISSIONE CONSILIARE Riduci

RASSEGNA STAMPA
Il Nuovo Corriere di Arezzo - 19.02.2010
Corriere di Arezzo - 26.02.2010

 

COMUNE DI S.GIOVANNI VALDARNO (Ar)
1^ COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE
IL PRESIDENTE

COMUNICATO STAMPA

Importante seduta quella dello scorso giovedi 11 febbraio della prima commissione consiliare "controllo e regolamenti" del comune di S.Giovanni Valdarno.

Il presidente Martellini aveva inserito all'ordine del giorno la discussione ed approvazione della mozione sulla società Valdarno Sviluppo a conclusione del procedimento di istruttoria sulla partecipata ed inoltre l'introduzione nello statuto comunale i principi indicati nella mozione sul servizio idrico approvata dal consiglio comunale del 26 gennaio tra quali quello che l’acqua debba rimanere un bene comune e diritto umano universale.

La mozione su Valdarno Sviluppo, dopo aver richiamato i principali elementi emersi dall'istruttoria conclusasi con l'audizione del Presidente Cardi, impegna il Sindaco e la giunta a riferire entro sei mesi al consiglio comunale su quali determinazioni intenda adottare l'Amministrazione sul futuro della Valdarno Sviluppo S.p.A. In particolare il testo chiede se l'Amministrazione intenda accogliere l'invito ai soci del Presidente Cardi a ridefinire l'oggetto sociale della S.p.A. dandole nuovi obiettivi oppure, visto il raggiungimento della propria mission originaria, procedere nei tempi e nei modi debiti alla liquidazione. Il dibattito in commissione è stato costruttivo e partecipato e, dopo aver superato alcune piccole divergenze sul testo originario, si è giunti ad una votazione unanime.

Il Presidente Martellini ha pertanto trasmesso al Presidente del Consiglio Comunale Franchi la mozione che sarà votata nella prossima seduta della massima assise sangiovannese che probabilmente si terrà il 9 marzo 2010 ove verrà discusso ed approvato il bilancio di previsione 2010.

Per quanto riguarda l'introduzione nello statuto comunale dei principi richiamati dalla mozione sul servizio idrico presentata dal consigliere Gauni (La Sinistra per San Giovanni) ed emendata dai consiglieri Martellini (Per un'altra San Giovanni) e Bandini (P.D.) ed approvata all'unanimità nell'ultimo consiglio la commissione ha dato mandato alla stessa consigliere Gauni di proporre un testo da discutere ed approvare nella prossima seduta della commissione per il successivo passaggio in consiglio comunale. Si ricorda che per le modifiche statutarie è richiesta in prima lettura la maggioranza qualificata.

 

San Giovanni Valdarno, 16 febbraio 2010

 

IL PRESIDENTE
Ing. Lorenzo Martellini

LEGGI IL TESTO DELLA MOZIONE APPROVATA DALLA PRIMA COMMISSIONE



 Stampa   
 COMUNICATO STAMPA I COMMISSIONE CONSILIARE Riduci

COMUNICATO STAMPA 

San Giovanni Valdarno, 20 aprile 2010

Il giorno mercoledì 28 aprile alle ore 17:00 si riunirà la prima commissione consiliare permanente “Controllo e Regolamenti” per discutere ed approvare la modifica allo Statuto Comunale a seguito dell’approvazione in Consiglio Comunale della mozione sul servizio idrico integrato nello scorso mese di gennaio.
La Commissione sarà chiamata a votare sul testo di modifica statutaria presentato dalla relatrice cons. Adria Gauni e successivamente emendato nella seduta dello scorso 8 aprile dalla commissione. 
La modifica riguarda due articoli dello statuto.
Il primo relativo al titolo primo chiede che il comune di San Giovanni Valdarno tuteli il diritto universale all’acqua potabile attraverso la garanzia dell’accesso dei cittadini alla risorsa idrica.
Il secondo relativo al titolo sesto dello statuto ed in particolare alla gestione dei servizi pubblici locali dichiara il servizio idrico integrato quale servizio pubblico locale privo di rilevanza economica, fermo restando la competenza degli organi competenti relativamente all'affidamento della gestione del servizio stesso.
Il testo, previa verifica da parte della segreteria comunale della correttezza della modifica rispetto al quadro normativo vigente, sarà poi trasmesso alla Presidenza del Consiglio Comunale per la successiva approvazione da parte della massima assise comunale presumibilmente nella seduta calendarizzata per il giorno 8 giugno 2010.
Per l’approvazione del consiglio comunale di una modifica statutaria lo statuto prevede la maggioranza qualificata dei due terzi dei consiglieri assegnati. Qualora tale maggioranza non venga raggiunta, la votazione è ripetuta in successive sedute da tenersi entro 30 giorni e la modifica è approvata se ottiene per due volte il voto favorevole della maggioranza assoluta dei consiglieri assegnati.
E’ la prima volta dal suo insediamento nel mese di settembre 2009 che la prima commissione vota una proposta di modifica dello statuto comunale.

 f.to Il Presidente della I Commissione
              Ing. Lorenzo Martellini


 Stampa   
 COMUNICATO STAMPA DEL GRUPPO "PER UN'ALTRA SAN GIOVANNI" Riduci

RASSEGNA STAMPA

La Nazione - 23.05.2010
Nuovo Corriere di Arezzo - 23.05.2010
Corriere di Arezzo - 01.06.2010

S. Giovanni V.no, 21 maggio 2010

  COMUNICATO STAMPA
 
QUESTION TIME: LA GIUNTA NON RISPETTA I TEMPI PER LE RISPOSTE SCRITTE!
 
Se all’inizio della nuova legislatura il ritardo poteva essere giustificato visto che per la quasi totalità la giunta Viligiardi è composta da nuovi assessori, a circa un anno dall’insediamento del nuovo consiglio comunale le mancate risposte scritte nei termini previsti dal regolamento da parte della giunta alle interrogazioni e interpellanze dei consiglieri nel question-time sta diventando un malcostume che svilisce il ruolo della massima assise comunale.
A sollecitare il rispetto del regolamento è stato il capogruppo Antonino Pia della lista “Per un’altra San Giovanni” che con ripetute note e richieste verbali si è rivolto al Presidente del Consiglio Comunale Franchi affinché si attivi nei confronti della giunta Viligiardi.
Ad oggi il Sindaco e gli assessori che ricevono entro i tre giorni precedenti al question time interrogazioni e interpellanze in forma scritta hanno l’obbligo di rispondere solo verbalmente al consiglio ma possono “tenersi” ulteriori trenta giorni per mettere “nero su bianco” alla risposta affinché venga pubblicata nel sito internet del comune a disposizione di tutti i cittadini.
Se andiamo a vedere il sito internet del Comune nell’area “Question Time” ci accorgiamo che ad oggi mancano addirittura 3 delle 19 risposte scritte della seduta di settembre 2009, 5 risposte delle 17 della seduta di novembre 2009, 8 risposte su 16 (la metà!) della seduta di gennaio 2010 e ancora 5 risposte su 12 dell’ultima seduta del 13 aprile pure per la quale sono già scaduti i termini previsti dal regolamento.
Su un totale di 64 interrogazioni e interpellanze mancano all’appello dopo un anno ancora 21 risposte scritte!
Vista la situazione ed anche su sollecitazioni di alcuni gruppi consiliari di maggioranza il Presidente della I commissione consiliare permanente Lorenzo Martellini, nell’ambito del programma complessivo di revisione del regolamento del consiglio comunale, ha messo all’ordine dei lavori della commissione la revisione della parte relativa al question time. Tra le proposte in esame anche quella dell’obbligo da parte della giunta di allegare la risposta scritta agli atti della stessa seduta del consiglio nella quale si discute l’interrogazione.
 
Gruppo consiliare “Per un’altra San Giovanni”

 Stampa   
 RASSEGNA STAMPA SULLA PRIMA COMMISSIONE E VALDARNO SVILUPPO Riduci

Intervista IL NUOVO CORRIERE del 4 gennaio 2010
LEGGI

Rassegna stampa LA NAZIONE del 29 dicembre 2009
LEGGI

Rassegna stampa IL NUOVO CORRIERE del 24 dicembre 2009
LEGGI


 Stampa   
 23 DICEMBRE 2009: COMUNICATO STAMPA PRESIDENZA PRIMA COMMISSIONE Riduci

 COMUNE DI S.GIOVANNI VALDARNO (Ar)
1^ COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE
IL PRESIDENTE

 Oggetto: COMUNICATO STAMPA

Il Presidente della Prima Commissione consiliare permanente, con particolare riferimento al dibattito emerso nelle ultime settimane sugli organi di stampa locali relativamente alla società Valdarno Sviluppo S.p.A., comunica che durante le ultime sedute la prima commissione, nel proprio perimetro di competenza ovvero quello di controllo delle società partecipate dal Comune di San Giovanni Valdarno, ha provveduto, a seguito di un’interrogazione presentata in commissione, ad esaminare gli atti richiesti agli uffici comunali per verificare lo stato di attuazione degli obiettivi della società che hanno avuto ricadute nel territorio dello scrivente comune nonché ad un’analisi del bilancio d’esercizio della Valdarno Sviluppo S.p.A. Al fine di rendere il più possibile esaustivo e completo il procedimento di controllo e verifica, così come previsto dal comma 2 dall’art. 73 dello Statuto dell’Ente, il Presidente della commissione su propria proposta ha ricevuto mandato unanime dalla commissione di richiedere un’audizione del Presidente della Società Valdarno Sviluppo S.p.A. il quale ha manifestato la propria disponibilità. Pertanto la commissione si riunirà il giorno 7 gennaio 2010 alle ore 14:30 per procedere ad un’audizione del Presidente della Società Valdarno Sviluppo S.p.A. Eventuali relazioni o atti di indirizzo sull’attività esercitata dalla commissione saranno discussi ed approvati solo successivamente a tale data.

San Giovanni Valdarno, 23 dicembre 2009

Il Presidente della I Commissione
Ing. Lorenzo Martellini


 Stampa   
 CONDANNA DELL'EPISODIO DI AGGRESSIONE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Riduci
 S. Giovanni V.no, 15 dicembre 2009
 
COMUNICATO STAMPA
 
“PER UN’ALTRA S.GIOVANNI” PRESENTA UN ORDINE DEL GIORNO DI CONDANNA DELL’AGGRESSIONE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO
 
Per il prossimo consiglio comunale del 22 dicembre che sarà convocato in questi giorni i consiglieri di opposizione Pia e Martellini del gruppo “Per un’altra San Giovanni” hanno presentato un ordine del giorno di solidarietà al Presidente del Consiglio Berlusconi e di condanna incondizionata del grave episodio di aggressione subito dal primo ministro durante la manifestazione politica di domenica 13 dicembre a Milano.
Il testo è stato sottoscritto anche dai consiglieri del gruppo del PDL
 

Gruppo consiliare “Per un’altra San Giovanni”

LEGGI IL TESTO


 Stampa   
 CONSIGLIO COMUNALE DEL 26 NOVEMBRE 2009 Riduci

Nel prossimo consiglio comunale del 26 novembre convocato per le ore 15:00 verranno discusse prima di tutto le due mozioni già presentate per il consiglio di ottobre.
La prima presentata dai capigruppo di maggioranza (Bandini del P.D., Carbini di Cresce San Giovanni, Gauni della Sinistra per San Giovanni, Lelli per la Lista Di Pietro) sull’istituzione di un
registro comunale per il testamento biologico.
Verrà discusso poi un’altra mozione presentata dal consigliere Corsi David (P.D.) sulla tutela della qualità urbana.
Un ordine del giorno presentato da Bellacci, Mustich e Sordi (P.D.L.-Lega Nord) riguarderà le celebrazioni del giorno della Libertà 9 Novembre.
Sullo stesso argomento relativo alla caduta del Muro di Berlino il gruppo del P.D.L. ha presentato anche una mozione sul ventesimo anniversario della caduta del muro e un'altra mozione riguarda l'esposizione del crocifisso nelle scuole.
Infine il capogruppo Gauni (Sinistra per San Giovanni) ha presentato due mozioni, la prima sul servizio idrico e la seconda sulla raccolta differenziata e riduzione dei riifuti.
Dopo le votazioni sulle mozioni e ordini del giorno e le comunicazioni di rito dei Sindaco, Presidente e consiglieri si procederà alla nomina della consulta pari opportunità e alla votazione sull'assestamento generale al bilancio di previsione dell'esercizio corrente.
Infine verrà messa in votazione l'adozione del piano di recupero "ARU_5 Via Milano interno".

Lorenzo Martellini


 Stampa   
 CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 OTTOBRE 2009 Riduci

NELLA SEDUTA DEL 29 OTTOBRE MOZIONI SU ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE PER IL TESTAMENTO BIOLOGICO E SU PULIZIA E DECORO URBANO. 
NOMINA DEI REVISORI DEI CONTI E UN PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA IN ZONA LUCHERIA

La discussione sulle mozioni è stata rinviata al consiglio comunale del 26 novembre

Nel prossimo consiglio comunale del 29 ottobre convocato per le ore 15:00 verranno discusse due mozioni.
La prima presentata dai capigruppo di maggioranza (Bandini del P.D., Carbini di Cresce San Giovanni, Gauni della Sinistra per San Giovanni, Lelli per la Lista Di Pietro) sull’istituzione di un registro comunale per il testamento biologico.
Verrà discusso poi un’altra mozione presentata dal consigliere Corsi David (P.D.) sulla tutela della qualità urbana.
Tra i punti all’ordine del giorno il rinnovo dei sindaci revisori per il triennio 2009-2012, una variazione al bilancio 2009, l’approvazione della convenzione per la gestione e lo sviluppo della rete documentaria della Provincia di Arezzo e per quanto riguarda l’urbanistica l’approvazione definitiva del piano attuativo di iniziativa privata ZUT6_1 Lucheria 1 (l’adozione del piano è stata approvata nella precedente legislatura Tarchi).

Su quest’ultimo punto il sottoscritto ha espresso voto di astensione in commissione.
Alle ore 18.00 il consiglio comunale proseguirà in seduta straordinaria con il contributo dei cittadini per discutere della petizione sulla discarica di Podere Rota.
Inviate il vostro contributo sui temi in discussione compilando l'apposita form sulla destra alla seguente pagina.


 Stampa   
 QUESTION TIME DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE 2009 Riduci

San Giovanni Valdarno, 11 Novembre 2009 

COMUNICATO STAMPA

QUESTION TIME: TASSA CONSORZIO DI BONIFICA, VACCINI INFLUENZA A, PIAZZA DELLA LIBERTA’ E PARCHEGGI TRA LE INTERROGAZIONI PRESENTATE DAL GRUPPO “PER UN’ALTRA SAN GIOVANNI”

Si svolgerà martedì 17 novembre la prossima seduta del consiglio comunale di San Giovanni Valdarno che si riunirà in seduta speciale dedicata alle interrogazioni e interpellanze presentate dai singoli consiglieri comunali al Sindaco e alla Giunta.
Il gruppo consiliare della lista civica “Per un’altra San Giovanni” ha presentato quattro interrogazioni su diverse problematiche.

Il consigliere Lorenzo Martellini con l’interrogazione avente per titolo "Legittimità della tassa del consorzio di bonifica"  tornerà sul merito della tassa che i cittadini di San Giovanni devono pagare al consorzio di Bonifica n.23 Valdarno per gli interventi di manutenzione dei corsi d’acqua minori. Tale argomento è stato sollevato recentemente anche dai gruppi di opposizione in Provincia del P.D.L. e dell’U.D.C. Martellini oltre a chiedere quali attività sono state svolte dal Consorzio di Bonifica n. 23 Valdarno nel periodo 2008-2009 nel territorio del Comune di San Giovanni Valdarno vuole fare chiarezza su quanto delle somme riscosse dal Consorzio vanno veramente a finanziare gli interventi sul territorio e quante invece vanno a coprire i costi di funzionamento del Consorzio e quindi non portano alcun beneficio ai cittadini. Altro aspetto rilevante dell’interrogazione di Martellini è quello di conoscere se è intenzione dell'Amministrazione proporre nelle sedi competenti I'abolizione del Consorzio di bonifica, le cui funzioni possono essere svolte direttamente dalla Provincia in considerazione che lo stesso porta solo un aumento dell'imposizione fiscale a carico dei cittadini in un momentoin cui la crisi economica si fa sentire sulla capacità delle famiglie di arrivare a fine mese.
Il capogruppo Antonino Pia presenterà tre interrogazioni: nella prima avente per titolo “Parcheggi cittadini e attraversamenti pedonali” chiederà al Sindaco se la nuova Amministrazione ha intenzione di effettuare una verifica e eventuale modifica delle aree di sosta che ricadono in prossimità dei passaggi pedonali rendendo pericoloso l’attraversamento e se vuole estendere gli attraversamenti nelle strade di maggior traffico. Nella seconda interrogazione avente per titolo Pulizia e decoro di Piazza della Libertà” verrà richiesto all’Amministrazione di incrementare i cassonetti nella piazza visto il continuo conferimento dei rifiuti fuori dai contenitori e un potenziamento del servizio di raccolta nel suo complesso. Infine nell’interrogazione avente per titolo Distribuzione vaccini influenza H1N1 Monoblocco ospedaliero” Pia chiederà al Sindaco se è a conoscenza dei casi di influenza nelle scuole del Comune e quale sia l’effettivo programma di distribuzione dei vaccini al presidio della Gruccia e, in caso di recrudescenza del virus, valutare la chiusura di alcune classi scolastiche.

 

 Gruppo consiliare “Per un’altra San Giovanni”


 Stampa   
 CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 SETTEMBRE 2009 Riduci
S. Giovanni V.no, 25 settembre 2009
 
COMUNICATO STAMPA
 
RIPRISTINO DELLE PREFERENZE E RIDUZIONE DEI COSTI DELLA POLITICA NEL PROSSIMO CONSIGLIO COMUNALE.
TANTA URBANISTICA E VARIAZIONI DI BILANCIO
 
Il consiglio comunale del prossimo martedì 29 settembre si aprirà con la discussione e la votazione di un ordine del giorno presentato dal consigliere Martellini Lorenzo sulla reintroduzione del voto di preferenza nelle leggi elettorali nazionali e regionale nonché su una richiesta di riduzione dei costi della politica.
Mercoledì prossimo infatti si riunirà il Consiglio Regionale della Toscana per l’approvazione definitiva delle modifiche alla legge elettorale che, pur riducendo di sole 10 unità il numero dei membri del consiglio, conferma la non reintroduzione del voto di preferenza e aumenta il listino regionale da 2 a 5 componenti: tale listino avrà priorità sulle liste provinciali con la conseguenza che i vertici dei partiti avranno più potere e margine di manovra a svantaggio delle realtà locali e potranno continuare a decidere a tavolino le candidature e l’elezione stessa dei consiglieri “prescelti” (le primarie sono facoltative e poco credibili).
L’ordine del giorno entra anche nel merito dei costi della politica richiedendo che la riduzione del numero dei componenti delle assemblee nonché la riduzione delle indennità riservate ai politici parta innanzitutto dal Parlamento e dai Consigli Regionali e non coinvolga le realtà cittadine più piccole dove la gran parte delle cariche amministrative sono ricoperte, in via prevalente, per mero impegno civico e senso di appartenenza alla comunità.
In consiglio si discuteranno anche molte pratiche di urbanistica: due piani attuativi di iniziativa privata (Lucheria, Vetri Vecchi), un piano particolareggiato di iniziativa pubblica (Fondali) e il piano attuativo di riqualificazione della struttura di vendita della COOP.
Su queste proposte di delibera in Commissione si è svolto un acceso dibattito tra tutti i gruppi consiliari e la maggioranza è stata battuta sulla votazione del piano particolareggiato “Fondali” che è stato bocciato ed andrà quindi in consiglio comunale con parere negativo.
Saranno approvate anche delibere di variazione di bilancio e la convenzione per il servizio di segreteria associata tra i comuni di Terranuova e San Giovanni Valdarno.
 
Gruppo consiliare “Per un’altra San Giovanni”

 Stampa   
 QUESTION TIME DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 SETTEMBRE 2009 Riduci
S. Giovanni V.no, 10 settembre 2009
 
COMUNICATO STAMPA
 
QUESTION TIME: RONDE, SERVIZI INFANZIA, CATTIVI ODORI DALLA DISCARICA, ZANZARE E VIABILITA’ TRA LE INTERROGAZIONI PRESENTATE DAL GRUPPO “PER UN’ALTRA SAN GIOVANNI”
 
Si svolgerà giovedì 17 settembre la prossima seduta del consiglio comunale di San Giovanni Valdarno che si riunirà in seduta speciale dedicata alle interrogazioni e interpellanze presentate dai singoli consiglieri comunali al Sindaco e alla Giunta.
Si tratta della prima seduta del “Question Time” della nuova consiliatura e per la nuova giunta Viligiardi.
Il gruppo consiliare della lista civica “Per un’altra San Giovanni” ha presentato una nutrita serie di interrogazioni su diverse problematiche.
Il capogruppo Antonino Pia nell’interrogazione avente per titolo “Potenziamento dei servizi per l’infanzia” chiederà al Sindaco se la nuova Amministrazione ha intenzione di aumentare i posti disponibili di accesso all’unica struttura comunale dell’Asilo Nido viste le numerose richieste di iscrizione e, data l’impossibilità di accoglierle, delle lunghe liste di attesa che costringono i genitori a ripiegare su strutture private di altri comuni.
Sempre il consigliere Pia, alla luce degli ultimi interventi sulla stampa locale, chiederà al Sindaco, nell’ambito dell’interrogazione avente per titolo “Cattivi odori provenienti dall’impianto di Podere Rota” se lo stesso primo cittadino ha già incontrato i tecnici di C.S.A. Impianti S.p.A. per chiarire e risolvere il problema dei cattivi odori provenienti dal sito di Podere Rota che molti cittadini hanno lamentato in queste ultime settimane e se l’Amministrazione ha informato A.R.P.A.T. del problema.
Il consigliere Lorenzo Martellini presenterà invece altre tre interrogazioni.
Con la prima interrogazione, avente per titolo “Sicurezza del territorio e istituzione dell’elenco delle associazioni di osservatori volontari (“ronde”)”,il consigliere Martellini, visto il recente decreto del governo che di fatto dà al Sindaco la possibilità o meno di avvalersi delle cosiddette “associazioni di osservatori volontari” meglio chiamate ronde, chiederà al Sindaco una chiara presa di posizione sull’argomento visto che le prime esperienze delle ronde in alcuni comuni non hanno assolutamente migliorato la sicurezza dei cittadini ma anzi (vedi nel comune di Massa) hanno portato a scontri tra “rondisti” di diversa fazione politica. Nell’ambito della stessa interrogazione Martellini chiederà al Sindaco se l’Amministrazione ha intenzione di estendere il servizio di vigilanza della Polizia Municipale anche nelle ore notturne,
Nell’interrogazione avente per titolo “Disinfestazione del territorio comunale dalle zanzare” Martellini chiederà su come e quando è stato effettuato nel corso del corrente anno il piano di disinfestazione dalle zanzare e visti gli scarsi risultati ottenuti e considerate le numerose segnalazioni di cittadini di vere e proprie “invasioni” di zanzare tigre e non, come intende l’Amministrazione attivarsi in maniera più efficace per prevenire il problema per la prossima stagione 2010.
Infine, con l’interrogazione avente per titolo “Viabilità zona ex-Ospedale – Fornaci” verrà chiesto all’Amministrazione di rivedere oltre a quanto già programmato, anche altri aspetti della viabilità della zona sud-ovest della città oltre ad una richiesta di maggiori controlli della Polizia Municipale.
 

Gruppo consiliare “Per un’altra San Giovanni”

Per leggere i testi delle interrogazioni clikka sui link ai titoli del presente comunicato stampa o vai alla pagina dell'attività consiliare


 Stampa   
 CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 LUGLIO 2009 Riduci

Rassegna stampa sulla delibera "Pluriservizi" del consiglio comunale del 30 luglio 2009
Scarica gli articoli


 S. Giovanni V.no, 31 luglio 2009 

 COMUNICATO STAMPA

 
CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 LUGLIO: MAGGIORANZA IN FIBRILLAZIONE
 
Nella prima seduta della massima assise comunale dopo quella di insediamento dello scorso giugno si sono discussi importanti delibere nonché un ordine del giorno sul trasporto ferroviario in Valdarno.
Tra le “novità” politiche la comunicazione del capogruppo della lista “Cresce San Giovanni” Carbini il quale nel suo duro intervento, rivolgendosi in particolar modo al Sindaco e al gruppo del P.D., ha sostanzialmente annunciato che la propria lista, non avendo trovato un accordo per la giunta, appoggerà esternamente l’esecutivo Viligiardi.
Durante la discussione della delibera sull’acquisto di quote della società Pluriservizi S.p.A. per il successivo acquisto presso la stessa Pluriservizi di pasti per le scuole elementari e medie del comune, il gruppo “Per un’altra San Giovanni” pur condividendo la scelta dell’Amministrazione di procedere ad un cambiamento dell’attuale fornitore a causa delle numerose lamentale dei genitori degli alunni interessati ed esprimendo dubbi sulla scelta di affidare “in house” senza una preliminare procedura di evidenza pubblica un così importante servizio, ha chiesto ed ottenuto di mettere in votazione un emendamento alla delibera per non impegnare il consiglio comunale fin d’ora ad acquisire ulteriori quote della suddetta società per un prossimo affidamento totale del servizio mensa. L’emendamento presentato dal consigliere Martellini ha avuto non solo il voto favorevole di tutta l’opposizione (P.D.L., Rifondazione Comunista) ma anche del capogruppo della Sinistra per San Giovanni (Gauni) che, poi, bocciato l’emendamento dal PD, si è astenuta sul complessivo della delibera. Voto contrario e compatto da parte di tutti i gruppi di minoranza.
Per quanto riguarda l’ordine del giorno sul trasporto ferroviario il gruppo “Per un’altra San Giovanni” ha espresso voto favorevole pur sottolineando nel dibattito che ormai da anni la Regione Toscana non è in grado di garantire i diritti dei pendolari valdarnesi e che, soprattutto, risulta evidente che gli interessi di Trenitalia sono orientati verso l’Alta Velocità e non sul trasporto locale.
Sugli altri punti voto contrario della lista civica su variazioni di bilancio mentre sulla nomina delle commissioni è stato accolta in consiglio la proposta scaturita nell’Ufficio di Presidenza. Per il gruppo “Per un’altra San Giovanni” nella prima commissione “controllo e verifiche statutarie” siederà il cons. Martellini, nella seconda commissione “bilancio” il cons. Pia, nella terza commissione “welfare e sanità” il cons. Martellini, nella quarta commissione “cultura, sport e istruzione” il cons. Pia mentre nella quinta commissione “urbanistica e LL.PP.” il cons. Martellini.
 
Gruppo consiliare “Per un’altra San Giovanni”

 



 Stampa   
 IN PRIMO PIANO Riduci

TUTTI I CANDIDATI DELLA LISTA CIVICA "PER UN'ALTRA SAN GIOVANNI"

CANDIDATO A SINDACO
PIA ANTONINO, chimico, consulente ambientale, già direttore stabilimento Distillerie Italiane di S.Giovanni

 

CANDIDATI A CONSIGLIERE COMUNALE

1. BOCCI MARCO, consulente
2. POSFORTUNATO LORENZO, ingegnere
3. CALDARELLA VINCENZO, ingegnere
4. MARTELLINI LORENZO, ingegnere
5. BILLI MATTEO, consulente legale
6. LARGIUNI OMBRETTA, docente universitario
7. BROGI ALESSANDRA, impiegata
8. INNOCENTI CARLO, ingegnere
9. MUGNAI ELENA, avvocato
10. LOMBARDI CECILIA, professoressa in pensione
11. CONTI PAOLA, ex dirigente scolastico
12. CORONEO GIANFRANCO, ispettore dei Carabinieri
13. FUSINI VALERIA, impiegata
14. PEEBES MERJ, assistente sociale
15. MUGNAI TIZIANO, ingegnere
16. PEPAJ LEONTINA, operaia
17. ALFIERI ANTONIO, imprenditore
18. DE DONNO RAFFAELLA, operaia
19. VANNACCI GIACOMO, impiegato
20. VAVASSORI MARCELLA, insegnante

Leggi tutti i comunicati


 Stampa   

Comunicato del 5 maggio 2009

 

ECCO LA SQUADRA DI ANTONINO PIA

 

A pochi giorni dal termine ultimo per la presentazione dei candidati alle elezioni amministrative di giugno, la lista civica "Per un'altra San Giovanni" presenta il gruppo dei candidati a consigliere comunale che affiancheranno Antonino Pia nella corsa a Sindaco del Comune di San Giovanni Valdarno.

La "squadra" di Antonino Pia è composta da venti persone, in gran parte nuove all'impegno politico, che rappresentano tutta la società civile sangiovannese.

Il comitato civico, nella scelta dei candidati a consigliere, ha voluto inoltre valorizzare il ruolo importante delle donne che rappresentano la metà della lista dei candidati.

Ecco i nomi della lista "Per un'altra San Giovanni".

1. BOCCI MARCO, consulente

2. POSFORTUNATO LORENZO, ingegnere

3. CALDARELLA VINCENZO, ingegnere

4. MARTELLINI LORENZO, ingegnere

5. BILLI MATTEO, consulente legale

6. LARGIUNI OMBRETTA, docente universitario

7. BROGI ALESSANDRA, impiegata

8. INNOCENTI CARLO, ingegnere

9. MUGNAI ELENA, avvocato

10. LOMBARDI CECILIA, professoressa in pensione

11. CONTI PAOLA, ex dirigente scolastico

12. CORONEO GIANFRANCO, ispettore dei Carabinieri

13. FUSINI VALERIA, impiegata

14. PEEBES MERJ, assistente sociale

15. MUGNAI TIZIANO, ingegnere

16. PEPAJ LEONTINA, operaia

17. ALFIERI ANTONIO, imprenditore

18. DE DONNO RAFFAELLA, operaia

19. VANNACCI GIACOMO, impiegato

20. VAVASSORI MARCELLA, insegnante

Nei prossimi giorni verrà presentato il calendario degli incontri con la cittadinanza che il candidato a Sindaco Antonino Pia insieme a tutta la lista effettueranno durante la campagna elettorale. La lista civica organizzerà incontri con i cittadini del quartiere Oltrarno, Ponte alle Forche, Fornaci-Bani e del centro storico. E’ stato già organizzato un incontro conviviale per la serata di venerdi 22 maggio 2009. Per maggiori informazioni contattare la lista tramite il sito internet www.antoninopia.it o per posta elettronica all’indirizzo comitatocivicosgv@libero.it

 

Lista civica “Per un’altra San Giovanni”

Comitato civico per San Giovanni

 

 -------------------------------------------------------------------------------------------


Comunicato del 24 aprile 2009

  

U.D.C. SAN GIOVANNI
PIENO APPOGGIO ALLA CANDIDATURA DI ANTONINO PIA

 

L’Unione di Centro sangiovannese ha sciolto le riserve e, con l’approvazione degli organi provinciali e regionali del partito, ha deciso di rinunciare a presentare una propria lista alle elezioni amministrative comunali del 6-7 giugno ed appoggerà direttamente la lista civica “Per un’altra San Giovanni” a sostegno della candidatura di Antonino Pia.

La candidatura a sindaco di Antonino Pia rappresenta in questo appuntamento elettorale l’unica vera novità del panorama politico cittadino. Ma soprattutto è il profilo stesso del candidato a garantire per questa città quella vera svolta che ormai da anni attendiamo.

La serietà, la grande professionalità e la caratura morale di Antonino Pia sono una garanzia anche per l’Unione di Centro e per questo abbiamo scelto di fare un passo indietro, di lasciare da parte la “bandiera” per un progetto più alto, privilegiando il bene di San Giovanni a quello, seppur importante, del partito.

L’ Unione di Centro si augura che tutti coloro che vogliono veramente cambiare questo modo di amministrare la città, logoro e appesantito dal mancato ricambio, si possano ritrovare nella candidatura di Pia. Indipendentemente da ciò, l’U.D.C. collaborerà con la lista civica dando il proprio contributo certi che la sfida che ci attende è difficile ma, insieme, possiamo gettare le basi per un progetto di amministrazione, nuovo e competente.

  

Unione di Centro
San Giovanni Valdarno


----------------------------------------------------------------------------

 Comunicato del 13 Marzo 2009

NASCE “PER UN’ ALTRA SAN GIOVANNI”

Il comitato civico per la candidatura a sindaco di Antonino Pia ha iniziato il proprio percorso di lavoro e di ascolto della cittadinanza sangiovannese per la formazione della lista civica che si presenterà alle prossime elezioni amministrative del 6-7 giugno.

Il comitato ha prima di tutto individuato in "Per un'altra San Giovanni" il nome della lista.

E’ stato individuato, all’interno del comitato civico, un coordinamento ristretto per la redazione del programma amministrativo che sarà aperto al contributo di tutti i cittadini e le organizzazioni e associazioni socio-economiche e culturali attraverso le assemblee e le iniziative pubbliche che saranno organizzate, nonché attraverso il sito internet che sarà a breve lanciato all'indirizzo www.antoninopia.it.

E` giá comunque attivo e a disposizione di tutti i cittadini una casella di posta elettronica all' indirizzo comitatocivicosgv@libero.it


Comitato civico
San Giovanni Valdarno

 SAN GIOVANNI VALDARNO - VEDUTA DEL PALAZZO D'ARNOLFO DA P.ZA CAVOUR Riduci
SGV_centro

 Stampa   
 APPUNTAMENTI Riduci

 Stampa